Tutti a Modena!

Siamo appena rientrati dagli Usa, con 3 partite vere e 15 set giocati sulla strada di Londra. E’ risaputo, quello che stiamo facendo non può avere altre finalità. Abbiamo sperato di riuscire a poter giocare queste partite in Texas con delle possibilità di qualificazione ma purtroppo non è stato così. Se una World League oggettivamente brutta in termini di risultati (Firenze a parte, momento meraviglioso) fa storcere il naso a qualcuno…pazienza. Il timone è saldo sull’obiettivo finale e non c’è motivo e ragione di muoverlo. Questa squadra ha deciso fin dal marzo scorso una programmazione chiara, con un obiettivo preciso. Programmazione fatta sulla base della assoluta priorità dei Giochi Olimpici ma anche, non lo si dimentichi, sulla base di un calendario di World League che ha reso, almeno per quest’anno, questa splendida manifestazione un torneo con regole che non erano uguali per tutti. Squadre nazionali costretto a un triplo cambio di continente a 20 giorni dalla partenza per i Giochi, mentre altre hanno terminato la loro pool 20 giorni fa, rendono queste finali di Sofia un torneo quanto meno …particolare. Il mio più grande in bocca al lupo agli Usa che, dopo aver meritatamente vinto il nostro girone, sarà oggettivamente (sfido chiunque a dimostrare il contrario) la squadra clamorosamente più penalizzata a Sofia.

Noi naturalmente ricominciamo, fra 48 ore. Ricominciamo con un imprevisto che trasformiamo in un’opportunità. La indisponibilità della nostra abituale sede di Monza ci porterà a doverci trasferire per una settimana. Ricevuta la notizia tutti noi abbiamo immediatamente pensato la stessa cosa. Andiamo a Modena!

Andiamo a Modena non solo perché ci sono condizioni ideali per allenarci ma perché ci piace l’idea di portare la nostra Squadra Nazionale in un momento così importante, in un territorio che ha fatto la storia del nostro sport e che è stato così duramente colpito dalla forza distruttiva del terremoto. Andiamo a Modena a fare il nostro lavoro, ad allenarci. Non andiamo a fare gli eroi ma andiamo a dare un segnale di vicinanza e magari a offrire un po’ di spettacolo e qualche ora di spensieratezza a chi desidererà venirci a trovare al PalaPanini (come sempre e dovunque gli allenamenti della nostra squadra sono a porte aperte).

Andiamo a Modena, città che ama la pallavolo, perché chi è colpito al cuore magari ha piacere nello scoprire che l’oggetto del proprio amore prova, nel modo che sa e con garbo, a ricambiare quell’amore. E’ una piccola cosa ma è quello che sappiamo e possiamo fare.

Andiamo a Modena e poi, dopo una ulteriore parentesi a Monza, a Modena ritorneremo: per organizzare una amichevole a scopo benefico che sarà l’ultima cosa che faremo prima di salire sull’aereo per Londra.

Insomma: Modena e la sua Provincia colpita al cuore ma capitale del volley. Dal 5 al 9 luglio ci alleneremo tutti i pomeriggi al PalaPanini intorno alle 17.00. Vi aspettiamo, in questo caso con ancora più affetto!

Mauro

7 Commenti

  1. Silvia

    Credo di poter dire che condivido in pieno quello che è stato scritto.
    Trovo molto carino anche il gesto di riunirvi a Modena, per stare vicini ad un gruppo di persone che in questo periodo vive più disagi di chiunque altro. Spero solo di riuscire, prima o poi, a venire a vedere un allenamento anche io!! e intanto In bocca al lupo!!!!

    Silvia

  2. daniela

    Bene. Sarà un piacere rivedere la nostra nazionalvolley giocare come a Firenze. Aspettiamo con ansia, io e la mia famiglia,di tifare col cuore sotto i timpani. In bocca al lupo a te, allo staff tecnico, ed ai ragazzi soprattutto. in Spagna dicono: “besitos”.

  3. Miki Zoodipendente

    Domenica pomeriggio verró a vedervi e ad augurarvi di persona il mio più grande in bocca al lupo per l’avventura a 5 cerchi. Questa è una squadra che ha grinta,talento,carattere da vendere e so che potete aggiungere al ricco palmares l’unico alloro che ancora manca. Sono 16 anni che lo aspetto e stavolta ci credo come non mai.
    Ci vediamo domenica Mister! Un caloroso abbraccio!

  4. Silvia

    Vedere la nazionale, anche in allenamento, ha il potere di alleggerire gli animi.
    Ottima scelta, Mauro!

  5. Lorenza

    La pallavolo a Modena è da sempre cultura e la scelta di allenarsi li dimostra ancora una volta la sensibilità della Nazionale nei confronti di una città che a questo meraviglioso sport ha dato tanto!

  6. corrado

    Grazie Mister x essere venuti a Modena, un gesto nobile x una buona causa. Personalmente saro’ presente con la mia famiglia agli allenamenti e alla partita del 21 luglio. VOI come l’ EMILIA…. TENIAMO BOTTA !!!!!!

  7. Bello il gesto di Modena….in quei posti c’è ora bisogno di un po’ tutto ciò che fa sorridere.
    Un po’ mena bella l’espressione : ” E’ risaputo, quello che stiamo facendo non può avere altre finalità. Abbiamo sperato di riuscire a poter giocare queste partite in Texas con delle possibilità di qualificazione ma purtroppo non è stato così. Se una World League oggettivamente brutta in termini di risultati (Firenze a parte, momento meraviglioso) fa storcere il naso a qualcuno…pazienza”. Espressione molto poco rispettosa per gli altri 13 ragazzi che la loro world (Francia e korea?) l’hanno giocata con cuore e impegno.
    L’impegno per Londra sarà stato sicuramente ingente, ma ciò non toglie il buon senso di evitare di bistrattare il loro contributo.
    E come dimenticare che questi ragazzi dai risultati oggettivamente brutti sararnno il nostro futuro?!?! Forse ci sarebbe da coltivarli fin da oggi senza aspettare grandi tornei per idolatrarli (speriamo!).
    Da lei, mister Berruto, così attento e profondo non mi aspettavo una caduta così.

Lascia un commento

  • RSS
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • YouTube