cronache d’oriente /5

Poche parole, giusto perché nessuno pensi che quando vinciamo, parliamo, scriviamo, commentiamo e quando perdiamo preferiamo il silenzio. Oggi abbiamo perso senza “se” e senza “ma”. Abbiamo perso sul piano del gioco e su quello dell’atteggiamento. Proprio per questo non ci nascondiamo, anzi impariamo da quello che ci è successo. Come sempre abbiamo fatto.

Questo è il torneo più difficile che esista, lo ripetiamo e lo ripetono tutti da settimane. Non è difficile solo per noi, è difficile per tutti. E in questa difficoltà sta la sua bellezza. Vince chi impara più in fretta dai propri errori. Vince chi è più capace di ripartire più in fretta dopo le sconfitte.

Noi (tutti insieme) abbiamo fatto degli errori, eccome. Noi (tutti insieme) abbiamo perso.

Ma quello che conta non è ciò che ti succede ma quello che tu fai con quello che ti succede. Abbiamo ancora tante cose da dimostrare qui, non ci nascondiamo dietro ad una brutta sconfitta e continuiamo a testa altissima a fare tutto quello che ci ha fatto diventare quello che siamo diventati: una squadra che non è perfetta e, anzi non vuole esserlo. Non cerchiamo certo la perfezione.

Ci basta essere una Squadra, nel bene e nel male. Un posto dove quando si vince si usano il “noi” e dove quando si perde si possa capire che cosa “io” potevo fare di più. Ci basta essere una Squadra dove si sa che gli ostacoli e le difficoltà possono arrivare in qualunque momento (anzi normalmente arrivano nei momenti in cui non li aspetti) e che gli ostacoli sono inevitabili per le grandi imprese.

Ci piace essere una Squadra il cui valore è essere solida nei momenti difficile, perché essere Squadra quando le cose vanno bene è alla portata di tutti.

Vogliamo pensare che, a partire da domani, ritroveremo quell’energia e quelle risorse tecniche, atletiche e mentali che fanno di noi una Squadra imperfettamente splendida.

Con le parole basta così. Adesso servono i fatti: a partire da domani alle 18.30 locale.

17 Commenti

  1. Forza Ragazzi, dispiace assistere ad una sconfitta cosi bruciante. Sopratutto dopo le belle vittorie, sia sul piano tattico ma sopratutto sul piano morale e caratteriale. E comprensibile che un torneo di questa intensità non sia assolutamente facile da affrontare. Quello che va cancellato subito e’ l’atteggiamento che oggi e’ mancato. Gli sguardi persi nel vuoto, lo smarrimento completo. Certo l’avversario non ci ha dato tregua un secondo e alcuni giocatori non hanno sbagliato nulla.
    Sono certo che questa parentesi si chiuda subito. E che anche nelle difficoltà che ci saranno da affrontare questa Fantastica Nazionale riesca a farci saltare sulla poltrona. Forza Ragazzi

  2. alfonso

    Infatti. A domani.
    in bocca al lupo!

  3. Marcello Malpezzi

    Ci vogliono le p…e per vincere e ce no vogliono anche di più per perdere e ripartire dopo una sconfitta. Credo che questa Squadra (la maiuscola non è casuale) le abbia.
    Comunque bravi per quello che state facendo e complimenti per le parole usate per descrivere quanto successo oggi.

    In bocca al lupo.

    Marcello Malpezzi

  4. Forza Coach, forza ragazzi. Le sfide difficili sono quelle che, vinte o perse ufficialmente, si vincono davvero se nell’affrontarle si dà il 100%, sia quale che sia il risultato. Un abbraccio e una buona sfida a tutti voi.

  5. Giuseppe

    Si impara dalle sconfitte e dalle vittorie… si impara sempre. L’importante è mettere in pratica questi insegnamenti per essere un pò migliori di prima.

  6. Michelle89

    Bravo Mister! E su,che domani ‘sti serbi ce li mangiamo xD

  7. Annarita

    Non servono parole per capire che una sconfitta marchia una squadra, le giornate no le vivono tutte le squadre, e noi non siamo esentati purtroppo! Oggi non abbiamo trovato quel quid fisico e soprattutto mentale per reagire. Benissimo, o meglio, pazienza… non si condanna nessuno per questo! POtevamo far meglio, ovvio! Ma non è successo, e ormai quel che è stato è stato! Domani è un altro giorno, ed un’altra gara ci attende!!! In bocca al lupo ragazzi, ed anche a lei Mister, sempre e comunque noi italiani siamo sempre con voi!!!!!

  8. Federica

    Oggi è stata decisamente una giornata NO. In campo non si è vista l’Italia che può essere, l’Italia che può fare grandi cose, che ha cattiveria e grinta da vendere (come ha dimostrato contro il Brasile e gli USA). Bisogna andare avanti, preparare la sfida contro la Serbia (con la quale abbiamo un conto in sospeso). Le giornate storte capitano a tutti, la differenza e come si reagisce, come si trasformano le situazioni negative in energia per creare situazioni positive. Quindi FORZA RAGAZZI siamo tutti con voi
    Ci vediamo domani mattina
    Fede

  9. Daniela Luisa

    Guai a non sbagliare, sarebbe sparita la vita. Il fallimento è seme per la vittoria, bisogna solo accudirlo e mai dimenticarlo. Borrei avere 25 metri di braccia per accogliervi tutti.

  10. Valter Turco

    Sei un grande!

  11. Susanna

    e il nostro tifo rimane anche nei momenti difficili….x sostenere la nostra Squadra imperfettamente splendida…Da domani si ricomincia..
    In bocca al lupo..

  12. anna angelino

    Mauro non ti preoccupare Cuba era ed è fortissima e ha pure giocato bene noi no e l’equazione è fatta . dopo la vittoria con il Brasile , che ci ha fatti pisciare sotto se mi è concesso il linguaggio , ti perdoniamo qualsiasi cosa ma forse sei tu che non ti perdoni . l’unica cosa brutta erano le facce dei tuoi giocatori. consiglio un goccetto di vino rosso . baci e buon lavoro .Anna .

  13. Silvia

    Al risveglio dal riposino post notte il piacere della vittoria contro la Serbia (che non ho visto un pò per la stanchezza, un pò per scaramanzia…) e di queste parole.
    Una squadra grande e bella a 360 gradi che genera entusiasmo e raccoglie tanto affetto.

    Ancora grazie ragazzi (tutti insieme)!

  14. Francesco

    Non Parole.. Fatti. Grazie Mauro per la Persona che sei ed il Lavoro che stai facendo. Forza Ragazzi.. ce la faremo!!

  15. Verena

    oggi siete stati squadra e avete continuato il vostro cammino, nonostante non fosse facile lasciarsi alle spalle la partita vs cuba (e come qualcuno ha ricordato, mi pare fei, non lo avete ancora fatto del tutto). l’italia del volley vi è vicina e tifa sempre per voi! <3

  16. Lorenza

    …e dopo la partita giocata questo pomeriggio contro la Serbia, non senza fatica e sofferenza, possiamo dire che la nostra Italvolley è ancora viva e pronta a giocarsi il tutto per tutto per raggiungere quello straordinario risultato che sarebbe la qualificazione olimpica!
    Non era facile giocare contro una Squadra che non ha più niente da chiedere a questo torneo non avendo più alcuna possibilità di qualificarsi per Londra 2012; ma oggi servivano tre punti fondamentali e li abbiamo ottenuti! E’ difficile, dura anzi durissima visto lo spessore tecnico delle squadre che ci precedono e questo lo si sapeva ma abbiamo dimostrato che possiamo giocarcela contro chiunque se teniamo alto quell’agonismo e quella voglia di portare a casa il risultato che ci hanno permesso di battare uno squadrone come il Brasile…e poi, senza togliere NULLA agli altri noi abbiamo un nome su tutti: quel Michal Lasko che sta giocando una W.C. spettacolare!!!
    In bocca al lupo per il proseguo della competizione Mister certa che i nostri ragazzi potranno dire la loro!

  17. Andrea

    E’ finita ora Polonia – Brasile 2-3….una gran delusione coach…ora vada come vada io Vi dico GRAZIE COMUNQUE per tutto quello che avete fatto…è vero è sport, e le motivazioni contano tantissimo perchè la Polonia col punto assicurato si è guadagnata il pass olimpico…però la pallavolo è uno sport in cui una palla gira e dico ai polacchi(che non sono assolutamente più forti di noi…)che ci rivedremo a Londra il prossimo luglio! COMUNQUE GRAZIE. Andre.

Lascia un commento

  • RSS
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • YouTube