Chi siamo e chi non siamo

Ringrazio tutti, di cuore per i mille messaggi che ci sono arrivati. Abbiamo percepito bene, anche se distanti migliaia di chilometri, che in Italia la nostra vittoria ha emozionato e reso orgogliosi i nostri tifosi. Ringrazio anche tutti i media che in tutte le (vecchie e nuove) forme di comunicazione ci hanno dedicato tanto spazio e tanto affetto. Quando si parla tanto di pallavolo in Italia è quasi automatico e inevitabile che vengano proposti dei confronti, è parte del gioco.

Le mie riflessioni allora partono da un titolo (e gli amici giornalisti del Corriere dello Sport sono certo capiranno cosa intendo):

“Il Brasile siamo noi”.

No, non siamo il Brasile e non vogliamo esserlo. Così come non vogliamo confrontarci con la nazionale della “generazione di fenomeni”, perché confronto non può esserci: quello (pre-rally point system) ero uno sport diverso e soprattutto quella straordinaria generazione ha vinto praticamente tutto, noi per ora nulla.

Siamo semplicemente l’Italia di oggi. La Nazionale Italiana del 2011, dove se fenomeni ci sono, sono fenomeni di intelligenza e volontà, che non desiderano confronti ma che stanno costruendo la propria identità con fatica, sudore, delusioni e gioie. Una partita alla volta. Siamo la Nazionale italiana del presente, con i nostri sogni e valori: il coraggio e la volontà.

Siamo quello che siamo, non desideriamo assomigliare ad altri.

Siamo gente che ha in testa chiaro quello che vuole, a partire da questo torneo, e potrà riuscirci o meno ma in ogni caso sarà solo grazie al proprio sforzo, individuale e collettivo.

Dopo un’interessante chiacchierata con la nostra team guide Mariko sui rapporti tra Shintoismo e Buddhismo in Giappone, mi viene in mente una frase piena di significati per noi: “If you meet the Buddha on the road, kill him”.

Lascio ogni interpretazione aperta, perché qui al 16° piano dell’ Ana Hotel di Kumamoto c’è gente che questa sera è andata a letto presto, perché sa bene che il Brasile è già il passato e domani c’è la Cina.

 

 

 

 

 

 

 

15 Commenti

  1. Alessandro

    proprio così si guarda sempre al prossimo passo!!!

  2. Florinda

    Mister che dire lei è un grande uomo, e come i grandi uomini io mi inchino a quello che lei ha fatto e che tutti avete fatto….la frase in assoluto che mi è piaciuta sentir dire durante i time out è “non creiamoci problemi che non abbiamo” e questo hanno fatto i nostri ragazzi, lei arriva ai nostri ragazzi ed arriva a noi tifosi! Grazie

  3. Che dire… sono rimasta senza parole, e non e’ la prima volta da quando ho iniziato ad interessarmi a questo blog. lei e’ il miglior allenatore che esista al mondo, penso, e non solo. Infatti, pur non conoscendola di persona ho gia’ capito che grande uomo e’ e non sono parole messe a caso, mi creda. Se lei continuera’, e ne sono sicura, a fare tutto cio’ che sta facendo per la squadra, sicuramente ci sono buonissime possibilita’. Grazie perche’ la Nazionale mi sta facendo vivere delle emozioni indescrivibili.

  4. Silvia

    Mi rode da morire non poter vedere le partite, accidenti!!
    Certo leggo articoli, giornali, web, ma non è la stessa cosa..rischiare quei dieci anni mentre ti aggrappi alla poltrona per una partita punto a punto non ha pari!
    Non mi resta che continuare a seguirvi come posso, ringraziarvi per le emozioni che ci trasmettete e farvi un grandissimo in bocca al lupo!!

  5. Ciao Berruto!
    Voglio lasciarvi i miei complimenti per la bella vittoria con il Brasile. Anche se c’è un po’ di rammarico dalla mia parte (sono brasiliana) :) – è stato comunque un bellissimo show di pallavolo per chi ama questo sport.
    Continuate così che siete nella strada giusta per arrivare lontano!
    In bocca al lupo!
    Saluti dal Brasile!

  6. Riccardo

    Grande persona grande mister , purtroppo non riesco a vedere le partite ma vi seguo sempre .

    • Diego Cella

      Leggi la mia risposta un paio di commenti sopra, che spiego come vedere le partite dal pc!

  7. Tiziana Restifo

    Lei non è solo un allenatore, è innanzitutto un grande uomo. Ho iniziato a seguire da poco il suo blog e già me ne sono stra affezionata! Continui a scrivere, perché io non posso più fare a meno delle sue splendide riflessioni!

  8. licia setti

    Come sai ho avuto il piacere di seguire dal vivo le ultime partite dell’Italia ed anche quelle del Brasile a Gdansk…hai ragione…voi non siete il Brasile, ma ieri, guardando la partita ed osservando ad uno ad uno i tuoi ragazzi,ho visto in loro la stessa voglia, forza e gioia di giocare e vincere, che finora io personalmente avevo visto solo guardando Giba e compagni definiti, da me, la Nazionale per eccellenza ..quella cioè più “squadra” e più “patriottica”.
    E’ vero quindi, lo dico anch’io, voi non siete il Brasile…siete l’Italia e, quello che avete fatto ieri ( ma anche prima, e da domani..)ve lo siete sudato e meritato, lo avete dedicato a Mattia ed alle vostre famiglie, ma lo avete fatto UNITI…spero…anche per noi Italiani!!
    Grazie Mauro

  9. Michele T.

    Grande Mauro… E dopo la Cina ce ne saranno altre… Tu lo sai benissimo e la tua squadra quanto te!!! Questa e’ la forza della tua e nostra Italia… Avanti!!!! Ciao

  10. Gianni

    Ci stiamo uttti appassionando a seguire questa squadra fatta di uomini prima che di giocatori, coraggiosa, intelligente, esemplare.
    Andate avanti così. Per Silvia e Riccardo, ci son molti modi per seguire le partite anche senza Sky 😉 ne vale la pena!!!!!

  11. Federica

    No, Voi non siete il Brasile, siete l’Italia, fatta di giovani che vogliono arrivare lontano, giovani dotati di grandi capacità fisiche e mentali, che stanno crescendo attraverso un percorso fatto di vittorie e sconfitte, sofferenza e difficoltà, che però servono per crescere e migliorare e temprare il carattere, in grado di regalarci grandi emozioni, partite combattute fino all’ultimo pallone…
    Io sono cresciuta con la “generazione dei fenomeni” (ricordo cene a base di partite lungheeee ed emozionanti) ed ho amato quella nazionale, ma adesso c’è questa nazionale, una grande nazionale guidata da un grande allenatore … e quindi nessun confronto perché sono due periodi diversi, due tipi di pallavolo diverse …
    Non mi resta che dire una cosa … GRAZIE INFINITE PER LE EMOZIONI CHE SAPETE REGALARCI …GRAZIE A TUTTI …
    CON AFFETTO
    FEDE

    P.S.: ITALIA – CINA è appena terminata, grazie all’orario “più favorevole” ho potuto seguire la partita dal pc dell’ufficio (sempre in rigoroso silenzio)… PRIMO SET LISCIO, MA CHE FATICA IL SECONDO SET (IL MIO AUTOCONTROLLO E’ STATO MESSO A DURA PROVA) … poi finalmente la ripresa ed un TERZO SET migliore … adesso tutti proiettati verso domani contro gli Stati Uniti

    GRANDE IVAN MVP, MA ANCHE UN BEN TORNATO A BIRARELLI E COME SEMPRE GRANDE DRAGO

  12. grandi, grandi ragazzi!!! grande mister!!!
    il Giappone è lontano e purtroppo la tv non aiuta…fortuna il web…vedere le vostre espressioni nelle foto, i video, gli articoli…l’emozione che mi trasmettete è forte…spero arrivi anche a voi un po’ del nostro entusiasmo e del nostro “Forza Azzurriiiii!!!!”
    Grazie di cuore a tutti voi…

  13. Oggi nn e’ andata bn! lo sa meglio di me ma l’importante e’ che questi benedetti ragazzi adesso si riprendano e ripartano piu’ forti che mai perche’ nn e’ ancora detta l’ultima parola! forza ragazzi forza <3

Lascia un commento

  • RSS
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • YouTube