Cronache d’Oriente /3

A letto, con tanti pensieri in testa.

Il fuso giapponese fa sì che per me sia già …domani, 23 novembre. Il giorno dopo una delle più belle, emozionanti ed intense partite che io ricordi. La nostra Italia, dopo 3076 giorni è tornata a battere il Brasile. Otto anni nello sport sono un’infinità. Otto anni passati nel pensiero che giocare contro il Brasile fosse un problema finchè 14 ragazzi con la maglia azzurra hanno deciso che, invece, fosse la più grande delle opportunità meritata e costruita nell’estate. Prima con le parole, dichiarando senza paure, con umiltà e orgoglio allo stesso tempo, il desiderio di sfidare le squadre migliori. Poi con i fatti e con un meraviglioso argento all’Europeo che è il motivo per cui noi oggi siamo in Giappone.

Questi ragazzi hanno autorizzato loro stessi a credere che fosse possibile e hanno spostato un limite. Anzi hanno spostato una montagna. A loro modo, come sempre questo gruppo ha fatto: con la fisicità, con la qualità tecnica, con la tattica e con il muscolo più grande di tutti: il cuore.

Mi dicono che in Italia questa mattina c’erano tante persone a cui il cuore ha rischiato di scoppiare. Ne siamo fieri, orgogliosi, felici. Vedere il coraggio di questa squadra, che rappresenta il nostro Paese, riconcilia con quel presente ancora difficile con cui facciamo i conti.

Sogno che quell’ace di Dragan che ha spostato le montagne sia simbolico.

Le montagne di possono spostare, ma a due condizioni: l’essere capaci di autorizzare se stessi a farlo e l’essere in grado di accettarne la fatica necessaria.

Sono sempre stato molto orgoglioso di questa squadra. Stasera di più. Ho ricevuto un regalo straordinario da questi straordinari ragazzi. Straordinari anche nel sapere che, se battere il Brasile era uno dei nostri tre obiettivi,  qui ce ne sono ancora due da provare a conquistare. Da domattina, in treno verso Kumamoto, sarà stampato nella testa di tutti. Ne sono certo.

Il vulcano di Kagoshima che ci ricorderemo per tanto tanto tempo che domani ci lasciamo alle spalle, resterà, incombente e fumante come lo vediamo dall’hotel, a ricordarci che se vogliamo ottenere quello che ancora ci manca dovremo costantemente vivere al di fuori della nostra zona di comfort: il posto più pericoloso al mondo dove vivere!

Da un punto di vista personale ancora due pensieri: il primo è una piccola dedica che avevo promesso. Sono certo che Mattia Rosso sarà già di suo felice come noi ma io voglio comunque dedicare questa giornata a lui che è a pieno titolo parte di questo gruppo, come lui sa bene.

Il secondo è un ringraziamento a un genio dell’umanità, Walt Disney: “Se puoi sognarlo puoi farlo”.

Confermo.

22 Commenti

  1. Ilmarkese

    Grazie a lei e ai suoi ragazzi per il magnifico risveglio che mi avete dato.
    Ho deciso di arrivare un po’ tardi al lavoro per potere vedere uno primo set spettacolare e uno dei piu’ emozionanti tiebreak a cui ho mai assistito

    • marina valsecchi

      carissimo coach stamattina anch io mi sono alzata presto per vedere
      i nostri ragazzi. grazie mille a tutti voi per l’ emozione, la passione, la gioia che mi avete regalato. vi amo tutti.

  2. Valerio

    Ciao Mauro,
    io penso che sia inutile dilungarmi in discorsi scontati, ti dico una sola cosa che vedendo, anche se un po’ a tratti visto per ovvi motivi lavorativi, la partita e leggendo le tue parole ho semplicemente la pelle d’oca.
    Grazie per le tante emozioni e sono certo che continuerete a darcele.

    Ciao

    Valerio

  3. Federica

    Questa mattina appena arrivata in ufficio mi sono subito collegata al mio “blog volley” di riferimento per il risultato della partita, ma non trovando niente un pensiero è spuntato nella mia mente: “nessuna notizia, quindi è possibile che stiano ancora giocando, quindi è possibile che siamo riusciti ad arrivare al tie break”. Così in tutta fretta ho cercato un sito dove trasmettessero la partita in streaming (ho trovato una TV degli emirati arabi !!) e le prime immagini sono state la fine del quarto set. Italia – Brasile 2-2. Ho pensato “possiamo farcela”. E così, restando immobile e cercando di non emettere alcun rumore (visto che ero in ufficio e il capo era a pochi metri) ed io sono una che sbraita parecchio quanto guardo le partite, mi sono gustata uno dei migliori tie-break che io ricordi. E’ stata una sofferenza palla dopo palla, poi Drago al servizio sull’ennesimo match point ha tirato fuori il coniglio dal cilindro. All’inizio non mi sono accorta che era un ace, ma quanto tutti si sono lancianti in campo addosso ad un Travica completamente paralizzato, non sono riuscita ha trattenere un “grandi ragazzi”. Siamo una grande squadra, con i numeri giusti per fare grandi cose, la cosa importante è rimanere concentrati, non smarrire questa sensazione di trionfo, ma trasformarla in grinta, voglia di fare sempre meglio.
    Grande Drago (io adoro questo ragazzo), ma anche grande Lasko, una grande diagonale vincente.
    Questo più che un commento è un tema di maturità, quindi concludo qui.
    Prima però un grazie dal profondo del cuore anche a Lei, sono contenta che ci sia Lei a guidare questa nazionale, La considero un grande allenatore, mi piace il modo in cui ragiona la Sua testa.
    Saluti
    Federica

  4. …il vero più grande spettacolo dopo il week end

  5. Grandissima partita, erano anni che mancavano “gli occhi di tigre” della generazione di fenomeni, la consapevolezza di poter giocare contro chiunque, e vincere contro chiunque.

    Leggo di gente che purtroppo non puó vedere le partite perché non a SKY o perché a lavoro. Io consiglio di usare questo sito, vi sono allacciamenti a qualsiasi tipo evento sportivo.

    Una squadra del genere va vista, va gustata, va supportata in ogni modo.
    http://www.wiziwig.tv/index.php?part=sports
    Consiglio di usare il portale Sopcast, é quello che garantisce la migliore qualitá e velocitá di streaming…

  6. Daniela Luisa

    sto ancora resettando i battiti, da stamattina ancora non vogliono marciare in fila per sei col resto di due, il prolasso della valvola mitralica è stato sfiorato a ripetizione. dopo cena vado a vedermi la registrazione perchè, se stamattina mi ha quasi ammazzato, stasera me la voglio godere. Immensa è la gioia e la stima che nutro per il team, ma una parola la vorrei spendere per Mika: ha un braccio armato pilotato da una testa atomica. Grazie a te che l’hai reso complementare a Fei e non alternativo. dalle mie parti si dice :”un partitone, da lasciarti disidratato nelle fughe delle piastrelle”. Adesso avanti così, il valore lo sapete e non frenate mai.

  7. Eleonora

    Direi che è stata una ottima vittoria e chi era qui in Italia, ha gioito un sacco.
    Condivido il pensiero su Mattia.

  8. Solo una parola: GRAZIE!Grazie per tutte le emozioni che ci avete dato, grazie per aver creduto di potercela fare, grazie di averci fatto saltare sul divano di casa e urlare con la gioia!
    FORZA RAGAZZI!
    SEMPER AD MAIORA!

  9. Riccardo

    grazie Mister, grazie a te e tutti i tuoi ragazzi per le emozioni che ci avete regalato….

    GRAZIE DI CUORE!!

  10. Angelo Gritti

    Grazie Mauro e alla tua nostra Nazionale ……….è ancora grazie a tè che se un esmpio come uomo e allenatore ti seguo da anni e mi ricordo un tuo corso di aggionamento a Milano sei un esmpio per tutti noi allenatori grazie , non trovo altre parole ma sono orgoglioso di questa nazionale ciao Angelo

  11. Silvia

    Il briefing di reparto stamattina non finiva più (certo, i pazienti hanno la precedenza), in tasca il cellulare vibrava …la discussione dei casi finisce e finalmente posso vedere il risultato della partita! Una gioia incontenibile, ancora lucciconi agli occhi.
    Grazie Mauro e grazie ragazzi!

    PS il cellulare vibrava perchè il sig. Jean, raccattapalle non ufficiale, mi scriveva: Che ITALIA!!!

  12. Flavio

    Grazie….grazie….mille volte grazie per avermi fatto piangere di gioia!!!

  13. susanna

    è stato un quinto set eterno per chi aspettava un messaggio con il risultato.. Ma è valsa la pena aspettare…
    Continuate a farci sognare…
    Che si può fare…

  14. danilo duff

    sempre con voi mister.. ci colleghiamo su tutti i siti per vedere una partita su uno schermo piccolissssssimo!!!!
    dai dai dai.. gas a martello adesso e via….

  15. Giuseppe

    Spostare il limite…una delle cose che, a quanto pare, questa Italia pallavolistica, ha ricominciato a fare dopo tanti anni. Il simbolismo applicato all’ace del Drago è azzeccato, e speriamo che sia di buon auspicio per tutto lo Stivalone!

  16. ho visto la gara in differita in tarda serata (senza conoscere prima il risultato), è stata ENTUSIASMANTE!
    credo una delle + belle ed emozionanti di sempre!
    Al momento dell’ace finale di Travica (bravissimo) sono stato rapito da 2 sentimenti contrastanti: la gioia nell’assistere ad un tale fantastico successo azzurro e l’invidia per l’incredibile emozione che immagino sia stata provata da te e ancora di più in campo dai tuoi meravigliosi ragazzi per aver colto questo prestigioso risultato e per il modo sofferto e meritato in cui è arrivato!
    In questo momento, come già fatto in passato, mi piace ricordarti una frase in cui so credi molto: ‘NULLA SUCCEDE PER CASO’!
    Perfettamente d’accordo. CONGRATULAZIONI e..avanti così!

  17. Poche ma significative parole: GRAZIE MISTER E GRAZIE RAGAZZI!!
    Che orgoglioooo!! Bravissimi!!

  18. Che partita mister; che emozione; che orgoglio. Che spettacolo quel primo set; e che carattere i ragazzi per rimanere in partita e vincerla dopo tutto quello che ci hanno fischiato contro nel quinto set. Semplicemente fantastici; tutti!
    Una partita epica, incredibile! L’ho vista in registrata ieri sera sapendo già il risultato(in questi casi devo imparare a tenere spenta la radio in macchina…); ma guardando il tiebreak ho sofferto ugualmente in maniera indicibile! Un grazie gigantesco a tutti mister; e ora avanti verso Londra!

  19. Isidoro

    Grazie Mister a Lei e ai suoi ragazzi. Ci avete regalato un’emozione indimenticabile (soprattutto dopo quel gravissimo errore arbitrale che poteva cambiare l’esito della gara)come per me sarà indimenticabile il primo set meravigliosamente perfetto.
    Grazie ancora ed un grande in bocca al lup

  20. Annarita

    Non posso assolutamente resistere a lasciare anche un mio piccolo pensiero sotto questa sfilza di appassionanti ed emozionanti commenti! Brasile? Pratica archiviata, quanto meno per questa volta… in una splendida e strepitosa partita, in cui niente è stato lasciato al caso, sempre permeati e posseduti da quella voglia di non mollare! Nella mia mente (e non solo!=)) urlavo a squarciagola: Forza ragazzi! Possiamo farcela…! Anche quando tutto sembrava perduto, anche quando il colosso brasiliano sembrava stesse per schiacciare l'”umile” Italia! Ma la nostra squadra non ci è stata, e dopo 2 ore e 20 di partita mi sono ritrovata a piangere per la gioia… le mie prime lacrime dopo la vittoria sudatissima contro la Russia, agli Europei del 2005!!! Mi sembrava di aver vinto una medaglia d’oro e non una “semplice” partita…E tutto questo è stato possibile grazie al Lei, Mister, e allo splendido team azzurro che ammiro senza eguali… dunque… GRAZIE PER LE MERAVIGLIOSE EMOZIONI CHE MI DATE E CHE SO CHE CONTINUERETE A DONARMI!!!

Trackbacks/Pingbacks

  1. Mauro Berruto: Cronache d’Oriente | Momenti di Volley - [...] continua a leggere qui [...]

Lascia un commento

  • RSS
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • YouTube