Homeless

Avrete certamente letto il comunicato del mio club, che condivido e difendo dalla prima all’ultima parola, e quello della Lega. Io credo che quando il numero di richieste di deroghe ad una regola supera (abbondantemente) l’eccezione è forse il caso di domandarsi se la regola stessa sia ancora logica.

Oggi:

1- in un momento di difficile congiuntura economica ben rappresentato dalle  catastrofiche e apocalittiche richieste di riduzione dei costi da parte di molti club di poco più di un anno solare fa (io personalmente ho assistito a TUTTI quegli incontri)

2- in un momento diciamo quanto meno di…non espansione dei dati del pubblico del nostro sport, già costretto ad un calendario acrobatico che rischia di far affievolire l’affetto della gente e gli investimenti degli investitori (il caso Sisley è l’ultimo nel mondo del volley e solo ieri, aprendo il giornale, si scopriva che 3 squadre di basket potrebbero uscire dal movimento l’anno prossimo)

3- in un contesto che ha visto MODIFICARSI la formula dei playoff, con l’istituzione del V-DAY, evento paragonabile alla Final 4 della Champions League, che permette a chi ha ricevuto l’omologazione del proprio campo di giocare in casa propria fino al turno che precede l’evento finale (perchè mai una regola attuata per una formula che è radicalmente cambiata non dovrebbe cambiare anch’essa?)

4- preoccupato dal fatto che se non si è in grado di rimettere in discussione una regola anacronistica ed evidentemente NON orientata a penalizzare dal punto di vista tecnico o tattico una squadra ma altrettanto evidentemente ORIENTATA a penalizzarne la sua gente, il popolo che quella squadra ama e che ha visto disputare in casa propria tutte le proprie partite, fino a quelle più importanti della stagione (quanto vale per Macerata avrebbe potuto valere per Vibo Valentia, Latina, Castellana Grotte, S.Giustino)..

5- nonostante tutto essendo io…certo… che tutto ciò non nasca NON da “tensioni” agonistiche ma bensì dall’unico scopo comune che è il bene e il bello del nostro movimento….

..sono io stesso a proporre una soluzione alternativa..

(il popolo di Macerata capirà, e se sul campo meriteremo l’accesso alla finale, ci ri-incontreremo tutti a Roma…)

Io chiederò alla mia società di chiedere le autorizzazioni necessarie a chi di competenza per indicare come campo dove disputare le gare casalinghe delle semifinali il Palasport di Cuneo .

 

Mi piace quel Palasport, sarà sempre pieno fino all’orlo. Non vedo l’ora di giocarci, magari 5 volte di fila.

 

Mauro

14 Commenti

  1. Andrea

    Ciao Mauro,
    scrivo dalla provincia di Brescia, da un paese confinante con Montichiari, dove tu hai allenato. È davvero brutto leggere che una squadra come Macerata, una delle quattro più forti compagini nazionali (e una delle più forti squadre a livello europeo) debba traslocare, debba andare alla “ricerca” di una casa dove per affrontare le semi-finali SCUDETTO… non si parla di un trofeo tra amici con in palio cesti gastronomici, qui si parla di SCUDETTO… trovo la cosa assolutamente allucinante… Sono convinto che serva più rispetto delle “istituzioni” verso quei tifosi che seguono con tantissimo affetto la squadra. Son convinto che alcune regole debbano essere riscritte, cancellate e riscritte ancora, perchè qualcosa obbiettivamente non funziona. Certamente TU che sei nell’ambiente avrai la situazione più chiara di quanto non l’abbia io semplice tifoso, ma è palese anche agli occhi dei non addetti ai lavori che c’è qualcosa che non va…

    Forza Mauro, porta Macerata a ROMA, portala sul gradino più alto d’ITALIA…!!

    un abbraccio, Andrea

  2. Bravo.
    Spero che si trovi una soluzione, la Lube è un pezzo di storia del volley italiano (come la Sisley) e non è certo il momento di perdere pezzi per strada.
    Io non vedo l’ora di vedere Cuneo-Macerata, magari cinque volte di fila.
    In bocca al lupo
    Aldo

  3. Andrea

    Ah, dimenticavo… ovviamente buona Pasqua…

  4. paolo pierleoni

    Come al solito i burocrati di roma non stanno solamente nelle amministrazioni pubbliche ma anche nei carrozzoni sportivi. Hanno e stanno distruggendo questo sport bellissimo con regole sempre diverse mai certe ( vedi il cambiamento dei campionati di b1 maschile -prima si doveva fare tre gironi ora di nuovo quattro),la programmazione per le società sono sempre impossibili e gli sponsor spariscono.La Lube ha il diritto di disputare davanti al proprio pubblico le partite casalinghe, diversamente tanto vale giocare ad handicap con punti di penalizzazione. Se i signori della Lube mandassero a quel paese il Volley non ci sarebbe da stupirsi. Il grande presidente Magri sempre in prima FILA PER PRENDERE APPLAUSI dovrebbe risolvere i problemi delle società. Grande mister un abbraccio e in bocca al lupo.Saluti Pierleoni

  5. Lorenzo

    La LegaVolley è talmente gretta che non si accorge dell’idiozia che caratterizza quella stupida regola dei 3500 posti.

    Mi verrebbe tanto da domandare a quei cervelloni della Lega: secondo voi, durante questi quarti di finale, quando ci sono stati effettivamente più di 3500 spettatori al palasport?
    Il palasport di Treviso, sia a gara 2 che a gara4, era deserto a dir poco!

    E allora a cosa serve questa regola se poi ad assistere alla partita ci sono all’incirca 2000 persone, proprio come al Fontescodella?
    Bah…proprio non li capisco..

  6. Pino Lorizio

    Caro Mauro,
    come al solito siamo il paese dei paradossi, ma il paese è fatto da uomini quindi gli uomini stessi sono il primo paradosso.
    Sono d’accordo sul tuo pensiero e sul fatto che Macerata debba poter giocare nel proprio palazzetto….Certo che siamo in un mondo, il nostro, strano, stranissimo….a Voi chiedono palasport da 3500 posti, altezze minime ecc ecc…da noi, le Società investono fior di migliaia di Euro per giocarsi poi i campionati in palestre scolastiche impresentabili….come ho detto siamo il paese dei paradossi e dei controsensi.
    In Bocca al Lupo
    Pino Lorizio

  7. Alberto Chiappa

    Buongiorno a tutti,
    premetto subito che scrivo da Cuneo e tifo Cuneo.

    Ho letto tutti i commenti e condivido il fatto che obbligare una squadra a giocare lontano dai propri tifosi sia una cosa terribile… Penso se a noi cuneesi ci dicessero che dobbiamo andare a giocare a Torino per esempio….

    Solo un pensiero però… Torniamo al mese di agosto 2010 Macerata sta allestendo la squadra per il prossimo campionato….Come tutte le squadre è in possesso del regolamento….ad un certo punto si legge…”semi-finali play off palazzetto minimo 3.500 posti”….. Cosa hanno fatto i dirigenti di Macerata a quel punto ??? Hanno chiamato la Lega e gli hanno detto “Oh ragazzi guardata che è una regola stupida….già l’anno scorso abbiamo avuto problemi….non possiamo parlarne nel prossimo CDA ???” No…. Purtroppo è valso il nostro pressapochismo da italiani (ATTENZIONE HO SCRITTO DA ITALIANI E NON DA MACERATESI….) SI SARA’ PENSATO… “VA BEH SE CI ARRIVIAMO ALL’ULTIMO MANDIAMO LA SOLITA RICHIESTA DI DEROGA….”

    LA REGOLA E’ SBAGLIATA ?? SI ! SONO D’ACCORDO…. MA NON E’ POSSIBILE ACCORGERSENE 2 GIORNI PRIMA DI GARA 2…

    CREDO CHE L’OBIETTIVO DI UNA SOCIETA’ COME MACERATA SIA QUELLO DI ARRIVARE SEMPRE IN SEMI-FINALE….Quindi secondo me sarebbe stato giusto sollevare il polverone all’inizio del campionato….

    MINACCIANDO ANCHE DI NON ISCRIVERE LA SQUADRA AL PROSSIMO CAMPIONATO…SE FOSSE STATO IL CASO…. A QUEL PUNTO LA LEGA SI SAREBBE MOSSA E TUTTO SAREBBE STATO RISOLTO….MAGARI PRIMA DI NATALE….

    ADESSO CHE CI SAREBBE DA GODERSI DEL SANO VOLLEY LE PAGINE DEI GIORNALI SONO OCCUPATA DALLA “POLITICA” DEL VOLLEY !!!

    Che peccato

    Alberto

    • Pino Lorizio

      Scusa Alberto…ma che differenza fa parlarne 8 mesi prima o due giorni prima o 24 ore prima???
      e se macerata nn fosse arrivata alle semifinali che bisogno c’era di alzare un polverone ad agosto scorso?
      Quindi dico….è ora di abolire qs regole e affrontare i problemi volta x volta….tant’è che oggi la Lega ha deciso x il Fontescodella….com’era giusto.
      Adesso si gioca alla pari e vincerà come al solito la squadra migliore.
      Buona Pallavolo!
      Pino Lorizio

      • Alberto Chiappa

        Ciao Pino,
        secondo me la differenza di parlarne 8 mesi prima è legata alla “serietà” di una dirigenza e di una società….

        Facciamo un esempio assurdo… SAN GIUSTINO ARRIVA IN SEMIFINALE (non me ne vogliano gli amici di S.Giustino)…

        Palazzetto inadeguato….cosa si fa’ ??? Si alza il polverone ??? MACCHE’…. LA SOCIETA’ UMBRA PRENDE ARMI E BAGAGLI E SI TRASFERISCE CHISSA’ DOVE… BEN CONTENTA DI GIOCARSI LE SEMIFINALI…. E SAI COSA FA’ INOLTRE…. PAGA ANCHE L’AUTOBUS A TUTTI I TIFOSI CHE VORRANNO SEGUIRLA….

        PERCHE’ LO FA ??? PERCHE’ SA DI NON AVERE “PESO POLITICO” NEL CDA DELLA LEGA !!!

        E’ TUTTA UNA GUESTIONE DI PESO POLITICO….

        Macerata è consapevole del suo peso e lo sfrutta punto e basta !!!

        I BUFFONI SONO QUELLI DELLA LEGA…. CON RIGHI CHE A CUNEO DAVANTI ALLA TV DICHIARA “A MACERATA NON SI PUO’ GIOCARE” PER POI DUE GIORNI DOPO FA PRODURRE UN DOCUMENTO DOVE SI DICE CHE SI PUO’ GIOCARE….

        QUESTO CREA UN PRECEDENTE…A QUESTO PUNTO E’ INUTILE PARLARE DI DEROGHE ECC… ECC… CAMBIAMO LA REGOLA E BASTA….

        ATTENZIONE MA QUESTO VARRA’ PER TUTTE LE REGOLE DELLA LEGA !!!

        C’E’ UNA REGOLA CHE DICE CHE LE SOCIETA’ DEVONO PRESENTARE UNA FIDEJUSSIONE PER ISCRIVERSI AL CAMPIONATO… CHIEDIAMO UNA DEROGA….

        C’E’ UNA REGOLA CHE DICE CHE LE SOCIETA’ DEVONO PAGARE GLI STIPENDI… CHIEDIAMO UNA DEROGA !!!

        Comunque… morta lì….

        ADESSO E’ ORA DI GIOCARE…. AL FONTESCODELLA, IN PIAZZA D’ARMI, A CUNEO… DOVE VOLETE BASTA CHE SI GIOCHI….

        E CHE LA GENTE COME NOI CHE AMA LA PALLAVOLO POSSA GODERSI LO SPETTACOLO… SOFFRIRE PER UN SET TIRATISSIMO, IMPRECARE PER UN ERRORE DELLA PROPRIA SQUADRA O ESULTARE PER UN MURO DECISIVO…. MAGARI SU IGOR !!!

        BUON VOLLEY A TUTTI
        ALBY

  8. Giampy

    Un saluto a tutti. Non sono daccordo con Berruto su quanto scrive in fatto di regole. MAcerata sapeva benissimo che la regola dei 3500 posti era valida ancora prima di cominciare il campionato e non trovo corretto con chi le regole le rispetta. Anche Cuneo si è lamentata dell’Itas che è andata direttamente alla fianal four, senza passare dai gironi di qualificazione. Ma la regola si sapeva benissimo e per due anni consecutivi, loro si sono fatti il loro bel percorso di avvicinamento, guadagnandosi tutte e due le volte la FINALE. Ricordo inoltre che l’anno scorso la finale è stata spostata per il lutto che ha colpito la Polonia, ad una settimana (o due non ricordo) prima del V-Day.
    Quindi PER FAVORE non venite a scrivere queste cose DUE giorni prima delle semifinali, quando già da tempo i dirigenti sanno quali sono i problemi. SIAMO in Itali e mi sembra che anche la società di Macerata si stia comportando da tale.
    Sono TOTALMENTE daccordo sugli altri fatti economici e catastrofici, ma non credo sia il contesto giusto per parlarne.
    Spero di non aver offeso nessuno, voleva solo essere un commento ed un pensiero personale.
    W L’italia W il VOLLEY e che Berruto ci ri-porti sul tetto del mondo

  9. Filippo

    Come al solito le regole ci sono e invece di discuterle ed eventualmente cambiarle se non vanno bene le si aggira…

    A mio parere la Lega avrebbe dovuto fregarsene del parere di Lannutti e di chiunque altro: se i posti sono 3500 o più si gioca, se sono 3499 o meno non si gioca…

    Ancora una volta il mondo del volley fa di tutto per perdere quel poco di credibilità che gli rimane…

  10. Ciao a tutti, appassionati di volley
    Premetto che sono un tifoso di Cuneo, e quindi teoricamente di parte, ma, cercando di cancellare i pregiudizi, perché, dopo che Macerata aveva presentato richiesta per una deroga ed era stata respinta, tre giorni dopo il CDA l’ha accettata??
    A me questo non sembra correttezza sportiva o altro, ma pura e semplice macchinazione politica!!!!!!! Non è possibile scendere a continui compromessi e, permettetemi, farci ( noi, pallavolo italiana) una figura di ***** davanti a tutte le altre organizzazioni internazionali!!!
    E Macerata???Perché continua ad insistere di avere ragione, appoggiata dalle solite scuse, tra le quali la regola è vecchia……, quando ha TORTO MARCIO. Capisco tutte le argomentazioni sulla crisi ecc.ecc., ma la pura e semplice verità è che una società del calibro di Macerata non SI È MAI ADATTA AL REGOLAMENTO VIGENTE!!!! A me sembra un po’ troppo, non credete???

Lascia un commento

  • RSS
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • YouTube